Benvenuti alla CSC. Sono di nuovo Gianluca. Oggi continuiamo con altri consigli su come coltivare la marijuana.

Marijuana Garden Saver: un manuale per piante sane Scritto da JC: .Stitch e curato dal grande Ed Rosenthal, questo libro è un diasend come opera di riferimento. È pieno di foto utili e questo è tutto ciò di cui hai bisogno quando cerchi di capire cosa c’è che non va in una pianta malata o malsana. Spero che non te lo perdi mai (anche se la notizia che stai leggendo questo post suggerisce che potresti farlo!) Ma quando lo fai, è di grande aiuto. Vale la pena acquistare informazioni chiare .. e perché quando ne hai davvero bisogno, questo libro potrebbe salvare il tuo giardino$ 12,89

Alcuni parassiti comuni che colpiscono la cannabis:

Mammiferi

Problema:

Ci sono molti piccoli – e non così piccoli – animali che distruggeranno felicemente la crescita all’aperto: cervi, conigli, armadilli nel

parassiti della cannabis
Gli spettacoli di piante rialzate con stampa della zampa raccontano una storia!

Stati del sud degli Stati Uniti, capre, persino – e spesso – cani e gatti domestici (i gatti mangiano le foglie nello stesso modo in cui masticano l’erba a volte per aiutare la digestione, i cani sembrano essere solo ficcanaso e scavano il posto in cui le sue acque sono proprietari!).

Soluzione:

La migliore difesa è un cerchio alto 1 m di rete metallica e paletti attorno a ciascuna pianta, ma questo può essere costoso e troppo ovvio quando si grida: “Vale la pena proteggere”. Altri deodoranti funzionano con l’odore e di solito sono sporchi: miscele di urina umana, pepe di Caienna e così via. Potrebbero esserci miscele specifiche in vendita nel tuo negozio di giardinaggio o negozio di fattoria locale, ad esempio i topi poiché questi mammiferi attaccano tutte le colture, non solo me.

Acari di ragno

parassiti della cannabis

Problema:

Uno dei più comuni parassiti della cannabis che ha colpito le stanze di coltivazione indoor e le piante all’aperto, gli acari del ragno causano danni estesi e possono essere molto difficili da eliminare. Potrebbe essere necessaria una lente d’ingrandimento per vederli perché l’adulto è lungo solo 0,4 mm, ma lasciano una sottile rete che si vede dopo essere stati delicatamente inzuppati d’acqua. La bocca dell’acaro del ragno si attacca alla singola cellula vegetale, ingerendo la linfa e lasciando una cellula marrone morta. Con un’infestazione sempre maggiore, la macchia marrone si combina per formare un effetto bronzo a mosaico e le foglie muoiono presto. Con molti acari per pianta – e i tassi di riproduzione sono alti – in poco tempo l’intera pianta muore.

Tripidi

Problema:

parassiti della cannabis

La foglia è stata capovolta prima di aspirare la clorofilla, facendo diventare più bianche le foglie danneggiate. A loro piacciono soprattutto le punte fresche che crescono in cima alle piante.

Mosca bianca

Problema:

Di dimensioni maggiori – 2 mm – e come piccole falene, le vedrai volare in giro se scuoti la pianta. Tirano la linfa dalla foglia sotto la foglia lasciando macchie bianche.

Questi sono i parassiti più comuni che possono attaccare la marijuana, ma potresti avere tagliafoglie, bruchi, lumache e lumache e così via se stai coltivando all’aperto. Un buon consiglio è quello di evitare l’infestazione: mantieni pulita la tua stanza di crescita ed esamina le piante che introduci. E anche se questo potrebbe non essere possibile all’esterno, ricorda che la migliore prevenzione dell’attacco di insetti è una pianta sana e un’attenta osservazione dei primi segni di danno.

Soluzioni ai problemi dei parassiti della cannabis:

Non solo gli insetti danneggiano le piante di marijuana e il mondo del giardinaggio ha molte soluzioni organiche e inorganiche. ▪ Sapone insetticida, che impedisce agli insetti volanti di volare su altre piante e di infettarle. ▪ Olio di Neem: sebbene sia meglio usato come deterrente piuttosto che come rimedio, rende la superficie fogliare indesiderabile in caso di infestazione da insetti. ▪ Predatori. Cerca in linea i predatori che possono essere inviati per posta, controlla che i predatori selezionati si occupino delle impostazioni ambientali della tua stanza di coltivazione (in particolare i livelli di temperatura e umidità). Nota che di solito ci vogliono 5-6 settimane una volta che i parassiti cumulativi eliminano un’area. Se stai coltivando all’aperto, alcune piante possono essere coltivate come piante preventive o come sacrifici. Conosci gli insetti più comuni nella tua zona e la tua pianta laterale di conseguenza.

Parassiti Predatore Ingrediente comune nei pesticidi
Acaro di ragno Phytoseiulus persimilis, o “SpiderMite Destroyers” (varietà di mucche – negli Stati Uniti, “ladybug”) + altri Dycofol
Mosca bianca Coccinelle. Volo Ichneumon (“assassino di vespe”). Permetrina e Biffen
Tripidi Amblyseius cucumeris Piretina

Spero che vi serva bene e ci vediamo nel prossimo articolo.

Dejar respuesta

Please enter your comment!
Please enter your name here